Oggi è iniziato il ciclo di audizioni previsto in sede di discussione dei testi di legge depositati sul tema dell’Acqua.

Il primo blocco sarà incentrato sulle esperienze dei gestori idrici e commenti ai testi di legge C 52 Daga e C 773 Braga.

Qui tutta l’audizione di questa mattina: https://youtu.be/KCjYMxP8QEg

Di seguito il Comunicato Stampa:

DAGA (M5S): VIA LAVORI SU ACQUA PUBBLICA, PRESTO LEGGE VOLONTÀ ITALIANI (DIRE) Roma, 6 nov. – “Finalmente siamo partiti: la commissione Ambiente della Camera ha avviato le audizioni e l’esame del nostro progetto di legge sull’acqua pubblica. Siamo partiti ascoltando i gestori del servizio per avere ulteriori elementi e chiarire il quadro a livello nazionale. Trova la conferma della necessità di concretizzare al più presto l’esito del referendum del 2011, con il quale gli italiani hanno optato con convinzione per la gestione pubblica. Dobbiamo riportare la sovranità nelle mani del legittimo detentore, il popolo, mentre i governi che ci hanno preceduto hanno preferito cedere alle pressioni delle lobby e ignorare la volontà di 27 milioni di elettori”. Lo afferma Federica DAGA, deputata M5S, prima firmataria della proposta di legge sull’acqua pubblica. “Perché vogliamo l’acqua pubblica? La risposta è semplice. Innanzitutto perché lo hanno deciso gli italiani. Poi perché fare profitto sull’acqua fonte di vita è dannoso e sbagliato: la gestione deve rimanere lontana e separata dalle logiche di mercato. Finanza e giochi di borsa non si addicono a una risorsa che dà la vita alle persone. C’è anche una ragione prettamente economica: i privati spesso antepongono i loro dividendi agli investimenti nella rete e nella sua sicurezza, mentre nella gestione pubblica gli utili si reinvestono per migliorare il servizio ed eliminare reti colabrodo o aree non servite adeguatamente” conclude DAGA. (Com/Ran/Dire) 16:15 06-11-18 NNNN

 

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus