Nella maxi inchiesta di questi giorni, la procura di Firenze ha scoperto un enorme giro di corruzione riguardante tutte le Grandi Opere, dal Tav all’Expo fino alla Metro C.

Dalle carte dei ROS è emerso, infatti, che Incalza sia intervenuto sul progetto capitolino, imponendo alla direzione dei lavori della tratta T3 (San Giovanni–Fori Imperiali) il fidatissimo imprenditore Stefano Perotti, ora finito in manette.

Che dietro queste grandi opere si nasconda il marcio della corruzione non è certo una novità. Noi, prima come cittadini e ora come portavoce in tutti i livelli istituzionali, ci siamo battuti e ci battiamo contro le innumerevoli irregolarità e illegittimità che caratterizzano queste pseudo urgenti Grandi Opere.

E’ doveroso ricordare le innumerevoli interrogazioni depositate dai Consiglieri Comunali di Roma del M5S, dai Consiglieri in Regione Lazio e da noi in Parlamento.

Nonostante la società MetroC Spa abbia deciso l’immediata sospensione del contratto concernente l’incarico di Direzione dei Lavori per la Tratta T3 di Perotti, risulterebbe interessante sapere quali siano le reali procedure di selezione delle figure tecniche scelte dalla medesima società.

Anche questo Governo, come quelli passati, attraverso maxi decreti legge, ha premuto l’acceleratore sulle Grandi Opere, finanziate con i soldi dei contribuenti, mantenendo fertile il terreno alla corruzione.

Di seguito quanto accaduto nelle ultime 72 ore:

(ANSA) – ROMA, 16 MAR – “La Società Metro C, non appena appreso quanto riportato dagli organi di informazione in ordine a misure cautelari adottate da parte dell’Autorità Giudiziaria nei confronti, tra gli altri, del Dott. Ing. Stefano Perotti, ha disposto l’immediata sospensione di ogni effetto del contratto concernente il relativo incarico di Direzione dei Lavori per la Tratta San Giovanni – Fori Imperiali riferita a 3 km di linea e 2 stazioni”. E’ quanto si legge in un comunicato della società.

“Per garantire il prosieguo delle attività lavorative in corso senza soluzione di continuità la Direzione Lavori della Tratta suddetta è stata affidata al Dott. Ing. Enrico Molinari – prosegue la nota -, in estensione dell’incarico già conferitogli per la Tratta Pantano- San Giovanni relativa a 18,5 km di linea e 22 stazioni”.

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus