Roma, 16 aprile – “Il governo deve concludere al più presto l’iter di costituzione della nuova Eipli, l’ente che gestisce le dighe del Sud Italia. La nascita della società, che grazie al nostro lavoro sarà esclusivamente pubblica, è un presupposto importante per utilizzare efficacemente le risorse in arrivo con il Recovery plan italiano”. Lo afferma Federica Daga, deputata del MoVimento 5 Stelle in commissione Ambiente, a margine della sua interpellanza urgente sulle infrastrutture idriche che si è svolta oggi alla Camera.

“Ho ribadito al governo l’urgenza di semplificare le procedure per permettere investimenti certi e agili – riprende Daga –: la sburocratizzazione è essenziale per agire rapidamente sulle criticità. Gli operatori del settore sono pronti a investire e a portare di conseguenza nuovi posti di lavoro sui territori, ma per farlo anche i fondi pubblici per il settore idrico devono essere aumentati. La strada da seguire è quella di un intervento dello Stato costante e ingente: uno degli strumenti è il Fondo nazionale opere idriche, che prevede 1 miliardo in 10 anni, ma è soltanto un punto di partenza da incrementare e sostenere per far fronte alle sempre maggiori problematiche che affliggono il settore idrico” aggiunge.

“Infine, abbiamo rivolto un appello al governo affinché si approfondisca la riflessione sulla necessità di creare un’Agenzia per l’acqua che coordini i tanti ministeri coinvolti e faccia da cabina di regia nella gestione della risorsa più importante, potenziando la partecipazione delle comunità territoriali e garantendo continuità alle politiche per l’acqua indipendentemente dall’avvicendarsi dei vari governi” conclude Federica Daga.

 

Per vedere il video dell’interpellanza

https://webtv.camera.it/evento/17931

da 1:11:00

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus