Acea chiede venti milioni di danni alla provincia di Frosinone.
 
Presentato il ricorso al Tar per annullare la delibera con cui i sindaci hanno risolto la convenzione. Tra i motivi addotti la mancanza di preventive delibere adottate dai consigli comunali. Si riapre il contenzioso.
 
SINTESI
Venti milioni di euro di risarcimento per danni di immagine. È questa la richiesta di Acea Ato 5 relativamente alla risoluzione della convenzione, votata dalla conferenza dei sindaci lo scorso 13 dicembre. Il gestore del servizio idrico ha presentato ricorso al Tar del Lazio, sezione di Latina, per l’annullamento di quella delibera: 63 pagine nelle quali i legali di Acea Ato 5 ricostruiscono l’intera vicenda culminata con la risoluzione della convenzione.
aceaato5
Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus