Il Presidente della Regione Puglia Emiliano è intenzionato a richiamare capitali privati per vendere una parte del pacchetto azionario di Acquedotto Pugliese Spa, gestore idrico della Regione Puglia che vedrà scadere la propria gestione nel 2018.
Dopo il tentativo di ripubblicizzazione di AQP Spa di quasi 10 anni fa, bloccato al buon Petrella dall’allora Presidente di Regione Vendola, si passerebbe direttamente alla cessione al mercato finanziario dell’acqua nonostante 27 milioni di cittadini abbiano indicato una direzione ostinata e contraria a quella delle privatizzazioni!

Emiliano sembra che stia facendo accordi con altri esponenti politici per creare il polo dell’acqua del Sud…ma con quali capitali? Temo che potrebbero arrivare direttamente dalla sede romana di Acea Spa attraverso le sue partecipate presenti nel territorio campano!

Un giochino politico che sembrerebbe rimettere sul piatto anche l’acqua di Napoli tramite l’ABC Napoli, l’azienda speciale di diritto pubblico, come pegno per la costruzione di un fronte a sinistra del PD.

Di seguito il Comunicato Stampa del Comitato Pugliese per l’Acqua Bene Comune

Emiliano vuole privatizzare Aqp?
SI FERMI!
IN NOME DELLA DEMOCRAZIA E DELLA SOVRANITA’ POPOLARE

Il futuro di Acquedotto Pugliese è più che mai opaco, con presagi di privatizzazione dello stesso. Avevamo già espresso, lo scorso agosto, la nostra contrarietà alla nascita della nuova Agenzia regionale unica per l’affidamento della gestione dei rifiuti (condividendo le preoccupazioni della Rete Rifiuti Zero) perché contrari alla centralizzazione del potere decisionale su inceneritori e discariche e alla trasformazione del nostro Acquedotto in multiutility. A questo abbiamo aggiunto la proposta di percorsi concreti che avrebbero potuto indirizzare la Regione Puglia in una direzione diametralmente opposta, rispettosa del volere popolare.

Tuttavia, a confermare, e per giunta ad aggravare, le inquietanti ipotesi citate, è stato un articolo della Gazzetta del Mezzogiorno del 27 Ottobre scorso che fa luce sul progetto della Regione Puglia, in accordo con il Governo Renzi e la sua politica di privatizzazioni e accentramento del potere al servizio delle potenti lobby industriali e finanziari, di trasformare Aqp SpA in una vera e propria holding che diverrebbe l’unico gestore del Sud, inglobando tutti gli altri acquedotti.

Consideriamo inaccettabile la spregiudicatezza di tale strategia che, in totale spregio della volontà dei Pugliesi chiaramente espressosi appena 5 anni fa, si accompagna alla VIOLAZIONE del Diritto Umano all’Acqua potabile con la sospensione del servizio idrico, proprio in questi giorni, in alcune case popolari di Lecce e Provincia, senza alcun riguardo neanche per le esigenze di bambini, anziani e disabili!!!!

In più, ricordiamo che, in data 3 agosto 2016, il Consiglio Regionale Pugliese ha votato una mozione del presentata dal Movimento 5 Stelle di istituzione di un tavolo tecnico paritario fra Regione e Comitato pugliese “Acqua Bene Comune” volto alla ripubblicizzazione di Aqp SpA. Quindi, il percorso di privatizzazione che la Regione sta imboccando, non è solo in contrasto con l’esito di un referendum popolare, ma anche con l’indirizzo indicato dal Consiglio Regionale democraticamente eletto.

A questo punto, ci chiediamo se il Presidente Michele Emiliano che ha sposato la causa del referendum del 17 Aprile scorso contro le trivellazioni in mare, o che oggi si dichiara giustamente contro la riforma costituzionale in quanto, fra le altre cose, esautora le Regioni del proprio potere decisionale rispetto a politiche ambientali, energetiche e sulla gestione dei beni comuni, sia lo stesso Presidente che calpesta il Referendum sull’acqua pubblica, in piena linea con il Governo Renzi.

Come può il Presidente Emiliano chiedere poteri decisionali per la Regione esprimendosi giustamente per il NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE e contemporaneamente ignorare la volontà dei cittadini pugliesi espressa nel referendum del 2011?

IN NOME DELLA DEMOCRAZIA (= GOVERNO DEL POPOLO) E DELLA SOVRANITA’ POPOLARE (UNICA fonte di LEGITTIMAZIONE DEL POTERE) su cui si FONDA la NOSTRA COSTITUZIONE voluta dalle MADRI e dai PADRI COSTITUTENTI E CHE ONEREREMO E DIFENDEREMO IL 4 DICEMBRE VOTANDO NO AL SUO STRAVOLGIMENTO

C H I E D I A M O

al Presidente Michele Emiliano, al Governo e a tutti i Consiglieri regionali

– di FERMARE IL PROCESSO DI PRIVATIZZAZONE dell’Acquedotto pugliese in atto

– di dare seguito alla mozione votata dal Consiglio Regionale, istituendo il TAVOLO TECNICO PARITARIO PER LA RIPUBBLICIZZAZIONE DI AQP SPA

Coinvolgeremo la cittadinanza, e faremo rete con gli altri movimenti per l’acqua pubblica meridionali, pur di far sì che i nostri diritti vengano rispettati.

Perché, oggi come ieri,

SI SCRIVE “ACQUA”, SI LEGGE “DEMOCRAZIA”.

7 Novembre 2016

 

Comitato Referendario Pugliese “2 SI per l’Acqua Bene Comune”

 

acquedotto-pugliese1

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus