Vengo nuovamente sospesa dai lavori parlamentari in data 18 maggio per un periodo di 8 giorni, per aver protestato dagli spalti della Camera lo scorso 20 aprile mentre in aula si votata lo scempio della legge sull’Acqua (smontata e distrutta dagli emendamenti del PD).

Per aver protestato, per aver voluto difendere un diritto umano universale, il diritto all’accesso all’Acqua, vengo sbattuta fuori.

Ma so che sto facendo la cosa giusta…

right

Camera: Daga (M5S) sospesa per 8 giorni per proteste 20/4

Roma, 18 mag. (AdnKronos) – L’ufficio di presidenza della Camera dei deputati ha deciso oggi di sospendere per 8 giorni Federica Daga, parlamentare M5S, per le proteste, in aula e nelle tribuna, durante i lavori sulla legge sull’acqua pubblica il 20 aprile scorso.

 

Irrogazione di sanzioni ai sensi dell’articolo 60 del Regolamento.

  PRESIDENTE. Comunico che l’Ufficio di Presidenza nella riunione odierna ha preso in esame gli episodi verificatisi nel corso della seduta del 20 aprile 2016. Al riguardo, visti gli articoli 12 e 60, comma 4, del Regolamento della Camera dei deputati, ha deliberato di irrogare, con decorrenza immediata, la sanzione della censura con interdizione di partecipare ai lavori parlamentari per un periodo di 8 (otto) giorni di seduta alla deputata Daga.
Ricordo che, ai sensi dell’articolo 60, comma 3, del Regolamento, le decisioni in tema di sanzioni adottate dall’Ufficio di Presidenza sono comunicate all’Assemblea e in nessun caso possono essere oggetto di discussione.
Invito pertanto la deputata Daga, ove presente, a lasciare l’Aula in ottemperanza alla decisione adottata dall’Ufficio di Presidenza (Applausi dei deputati del gruppo MoVimento 5 Stelle).

http://www.camera.it/leg17/410?idSeduta=0627&tipo=stenografico#sed0627.stenografico.tit00110.int00010

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus