810612192_123153

Mentre Roma brucia, la coppia Marino Renzi ne alimenta le fiamme!
In giunta arrivano due “nuove leve”: Esposito ai trasporti e Causi al bilancio.

‪‎Esposito‬ è un senatore torinese del PD a favore del ‪‎TAV‬ in Valsusa‬ per la quale tanto si batte, soprattutto contro la cittadinanza locale NoTav‬ a suon di manganellate, promotore dell’apertura dell’autorità terza garante del mercato per il trasporto pubblico locale con sede a Torino.
‪‎Causi‬ è un deputato palermitano del PD che già ha messo piede in Campidoglio ai tempi di Veltroni‬ sempre come assessore al ‪‎bilancio‬.
Il Salva Roma non è la soluzione, le privatizzazioni andranno avanti con l’acceleratore.
Stiamo pronti a salutare ‪‎ATAC‬ e a rivedere il bilancio piangere.
Intanto Roma continua a bruciare!

COMUNICATO STAMPA

M5S ROMA: “RIMPASTO DI GIUNTA CON ASSESSORI PART-TIME. ALTRO SMACCO PER LA CITTA’”

“Marino di fatto è stato commissariato con uomini di fiducia di Renzi, parlamentari che manterranno la loro poltrona da 19.000 euro al mese e faranno part time gli assessori rinunciando, bontà loro, a 4.000 euro al mese, nella città più difficile del mondo.

In realtà se Causi ed Esposito vogliono fare gli assessori capitolini potrebbero fare una scelta molto semplice: lasciare i loro seggi in parlamento. Ma non lo hanno fatto, segno tangibile che neanche loro credono nella durata della consiliatura della Capitale. Intanto la città affonda nel degrado.

Ci chiediamo chi davvero ormai possa pensare che il nuovo rimpasto di giunta sia la soluzione per lavorare in modo efficace e fare finalmente il bene della città. Vogliamo citare solo un dato tecnico: anche grazie a Causi attuale vicesindaco con delega al bilancio i romani pagano 200 milioni di euro all’anno la c.d. veltron tax, fino al 2044 per rientrare dei 20 miliardi di euro di debito prodotti dalle gestioni Rutelli e Veltroni, sperperati in mega opere inutili i cui costi sono esplosi nel tempo, per fare solo alcuni esempi, la Città dello Sport, la Nuvola di Fuksas, la Metro C, il Parcheggio Cornelia”.

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus