sfratto

Il 28 giugno è scaduta la mini proroga sfratti per le fasce protette. E gli ufficiali giudiziari hanno ricominciato a presentarsi alle porte di sempre più cittadini che non riescono più a pagare l’affitto perché colpiti dagli effetti della crisi economica e dalle politiche di austerità.

Gli ultimi dati del ministero dell’interno sugli sfratti e le notizie drammatiche di suicidi provocati dalla condizione di emergenza alloggiativa diffusa, sono davvero preoccupanti.

Il 90% delle richieste di sfratto nel 2014 ha riguardato le morosità incolpevoli.

Roma merita, purtroppo, un capitolo a parte: sempre secondo i dati ufficiali del Ministero dell’Interno riferiti al 2014, ogni giorno ci sono 13 sfratti eseguiti con l’ausilio delle forze dell’ordine, 47 con l’intervento dell’Ufficiale Giudiziario e 38 nuove sentenze di sfratto. La quasi totalità di questi provvedimenti sono per morosità, il 90% delle richieste.

La media nazionale non è meno drammatica. Se Roma conta 1 sfratto ogni 240 famiglie residenti, nel resto del Paese siamo in un rapporto 1 su 334 famiglie. Chiaramente queste cifre vanno considerate per difetto perché i dati del Ministero dell’Interno, come sostiene lo stesso dicastero, sono incompleti. È un impoverimento crescente che necessiterebbe di politiche abitative pubbliche e di una netta inversione di rotta nell’utilizzo delle risorse.

MA C’È DISCONTINUITÀ VERA TRA LUPI E DELRIO?

Quest’anno il Governo Renzi ha deciso d’ufficio di non mantenere nemmeno per l’anno in corso la proroga per gli sfratti per finita locazione assicurando che con la miniproroga al 28 giugno e con l’attuazione del Piano Casa di Lupi, la situazione di queste famiglie si sarebbe risolta. Invece la miniproroga al 28 giugno è scaduta nel silenzio generale. Inoltre i decreti attuativi necessari per avviare il percorso di recupero degli alloggi (art.4 del decreto –legge 47 del 2014) e per l’erogazione dei fondi per il canone concordato e per la morosità incolpevole (articolo 2 del decreto-legge 47 del 2014) sono stati pubblicati da pochi mesi in Gazzetta Ufficiale e ancora non si ricevono segnali definitivi da parte di tutti i Comuni e di tutte le Regioni sulle ricognizioni necessarie all’erogazione.

Cosa intende fare ora il Governo per queste famiglie?

Laddove i fondi siano pronti per l’erogazione come nel caso del Lazio, il governo si impegnerà presso le Prefetture per permettere la sospensione degli sfratti in attesa della concessione del contributo e consentire il passaggio da casa a casa?

Qual è lo stato dell’arte dell’erogazione dei fondi per il canone concordato e per la morosità incolpevole e lo stato di attuazione dell’articolo 4 del decreto legge 47 del 2014 relativo al recupero degli immobili?

Cosa intende fare il Ministro interrogato rispetto agli effetti della non proroga degli sfratti per finita locazione?

RIPETIAMO: C’È DISCONTINUITÀ VERA TRA LUPI E DELRIO?

Al nostro quesito il ministero ci ha risposto solo parzialmente, dicendo che è aperto un tavolo al Ministero dell’Interno con i sindacati di inquilini e proprietari. Ma, a parte questo, abbiamo ragione! Non abbiamo ancora impiegato tutte le quote né fatto tutti gli sforzi necessari per risolvere un’emergenza abitativa che ormai è situazione conclamata. Non è più emergenza, ma cronicità.

Soluzione?

La cosa più urgente da fare in attesa di una reale attuazione e possibilità di accesso ai fondi stanziati dal decreto Lupi è quella di una moratoria agli sfratti, almeno fino a dicembre, come avevamo chiesto nel Milleproroghe ma che non è stata accettata dal governo.

Nel frattempo poi andrebbero accelerati e monitorati i passaggi burocratici tra ministero ed enti locali (regioni e comuni tutti) in modo da garantire il passaggio di casa in casa.

Una domanda su tutte resta irrisolta, quale sarà, se ci sarà, il segno di discontinuità tra il Ministro Del Rio e il Ministro Lupi?

 

Di seguito la risposta del ministero all’interrogazione presentata in commissione ambiente alla Camera:

Risposta_Sfratti

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/ambiente/2015/07/miniproroga-scaduta-cittadini-rimasti-soli-con-il-dramma-sfratti.html

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus