COMUNICATO STAMPA
ACQUA, M5S: IL PD VUOLE GESTIRE AUTORITA’ IDRICA TOSCANA COME COSA PROPRIA
PRESENTI AL PRESIDIO DEPUTATI SEGONI, DAGA, BALDASSARRE
“Siamo qui perché riteniamo grave quanto accade ormai dal 27 giugno e ci adopereremo a produrre tutti gli atti necessari per ripristinare la democrazia negli ambiti di gestione di un bene prezioso come l’acqua” commentano così, i deputati del MoVimento 5 Stelle Samuele Segoni, Federica Daga e Marco Baldassare, la loro presenza al presidio organizzato ieri a Firenze dai comitati del Forum Toscano dei Movimenti per L’Acqua, in occasione della convocazione del direttivo Autorità Idrica Toscana che prevedeva all’o.d.g. quale primo punto l’individuazione del Presidente dell’Assemblea con l’approvazione della proposta del Consiglio Direttivo.
“Queste convocazioni hanno il solo scopo di prolungare i tempi dell’insediamento del Sindaco di Livorno alla presidenza dell’AIT. Si sono riuniti per capire come eliminare la scomoda presidenza del Sindaco di Livorno Nogarin, eletto per il Movimento 5 Stelle che, secondo quanto stabilito dallo statuto dell’Autorità, avrebbe dovuto sostituire l’ormai ex Sindaco di Livorno Cosimi fino ad ottobre 2015. Tutto è rinviato a una nuova convocazione dell’Assemblea dei Sindaci dell’AIT che sarà fatta non appena capiranno quale sarà il giorno infrasettimanale nel quale avranno maggiori disponibilità tra di loro” continuano i deputati. 
“Sappiano i Sindaci presenti che non molleremo la presa e saremo nuovamente presenti in forza massiccia alle prossime convocazioni per monitorare il loro operato, ritenendo già non democratico un ambito dove 50 Sindaci su 287 decidono come gestire un bene essenziale alla vita. L’acqua è un bene di tutti e non può essere trattata come cosa loro” concludono i portavoce del MoVimento 5 Stelle

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus