Fare comunità, significa anche condividere la conoscenza con gli altri.
Oggi vorrei parlare di un problema che mi vede protagonista.
Da troppo tempo mi sento stanca, affaticata, appesantita e a tratti depressa.
Giusto per rendere l’idea, la mattina faccio una fatica immane a svegliarmi, anche dopo 10 ore di sonno.
Questo perché tre anni fa ho scoperto di avere problemi alla tiroide e, dopo aver fatto le prime analisi, non ho prenotato la seconda visita dall’endocrinologo.
Ho trascurato la salute, presa da mille cose per attivismo.
Ora non ho scampo, devo ricominciare tutto daccapo e la cura penso sarà pesante quanto necessaria per rimettermi in sesto.
La tiroidite di Hashimoto (probabilmente si tratta di questo), malattia autoimmune, è esente dal pagamento dei ticket, significa che è una malattia molto diffusa, e colpisce soprattutto il genere femminile.
Il primo endocrinologo che mi visitò, disse che me la sarei dovuta prendere con l’inquinamento ambientale.
Proprio a me lo viene a dire? Mi parlò del disastro di Chernobyl e della nube tossica.
Che nervi!
Perché racconto questa storia?
Perché vorrei comunicare a tutte le donne di non dimenticarsi di se stesse, di avere cura di sé e di non trascurarsi mai.
Ragazze, fatevi controlli periodici, semplici esami del sangue, la prevenzione va praticata.
Mi raccomando!
E ora, Buonanotte.

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus