Quando le Istituzioni non rispondono alle esigenze dei cittadini
Nella mattina del 13 febbraio, a 17 cittadini sono stati notificati 7 arresti domiciliari e 10 obblighi di firma per gli eventi creatisi durante la manifestazione dello scorso 31 ottobre.
La manifestazione fu indetta in occasione della conferenza Stato Regioni sul tema dell’abitare, conferenza alla quale i diretti interessati, cioè i cittadini, non possono partecipare.
Il Paese Italia e tutti coloro che qui vivono stanno subendo devastazioni e rapine, si tratta delle privatizzazioni dei servizi pubblici locali, della mercificazione dei beni comuni, della speculazione sul patrimonio pubblico, degli scempi sui territori per le cementificazioni, della finanziarizzazione della società, dell’assenza di democrazia.
Le accuse arrivano a tre mesi dalla manifestazione cittadina con una gravità ed un tempismo tale da lasciar pensare all’ennesimo tentativo di criminalizzazione del dissenso, così come avviene in Val Susa dove attivisti NO TAV sono stati condannati a risarcire più di 200mila euro per essere entrati nel proprio terreno. E’ noto che, a causa delle politiche di Austerity imposte da mamma Europa, diverse realtà sociali che si trovano in emergenza si stanno confrontando ed organizzando per opporsi a chi va contro alle esigenze della cittadinanza.
Da rappresentante delle Istituzioni, mi sento di dire che lo Stato non sta agendo per il bene del Paese, non sta agendo per risolvere le emergenze, ormai normalità, e non si fa carico delle necessità delle persone che vivono il nostro Paese martoriato. Quando lo Stato è mancante nelle sue responsabilità, al cittadino non resta che tentare di farsi sentire per far valere i propri diritti calpestati dalle imposizioni delle lobby.
Convinti delle necessarie modalità pacifiche da adottare in ogni situazione, che da sempre ci contraddistinguono, segnaliamo vicinanza alle persone e alle realtà colpite.
Federica Daga, Eleonora Bechis, Roberta Lombardi, Marco Baldassarre, Giulia Grillo, Alessio Villarosa
Deputati Movimento 5 Stelle


Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus