Ricordate il decreto Salva Italia di Berlusconi? Quello del 2011?Ecco, è arrivato il decreto Destinazione Italia, di Letta, fratello gemello del Salva Italia, che porterà il Paese contro un iceberg come quello che ha visto affondare il Titanic: i politici sono l’orchestra che, fino alla FINE, suoneranno il requiem.
La cosa che mi è saltata all’occhio è la presenza di un comma nel quale si mette definitivamente l’acqua nel mercatoandando completamente contro al referendum 2011!
Nel decreto Salva Italia, veniva affidato all’AEEG il compito di definire un metodo tariffario transitorio per le bollette dell’acqua, andando da subito contro al referendum 2011.
L’AEEG dopo quasi due anni dall’assegnazione del compitino, sbaglia i conti e non passa l’esame!
Cos’ha fatto l’AEEG? Ha fatto rientrare dalla finestra ciò che era stato fatto uscire dalla porta e cioè: ha trasformato la “quota di remunerazione del capitale investito” presente in bolletta e abrogato con il referendum n. 2 nella voce “oneri finanziari”.
Ha così creato la “tariffa truffa”, in sostanza continuiamo ad avere il profitto in bolletta!
E cosa fa il Governo con il decreto Destinazione Italia? Mette definitivamente in mano all’AEEG regolazione e controllo dell’Acqua, facendo entrare definitivamente un bene comune nelle logiche del mercato.
Sulla tariffa definita dall’AEEG, è stato fatto un ricorso al Tar della Lombardia dal promotore dei referendum Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e da Federconsumatori, più altri 35 soggetti, la cui prima udienza è fissata per il 23 gennaio 2014.

E’ grave che in questo decreto si sia voluto legiferare sul nodo ancora irrisolto relativo alla tariffazione del servizio idrico integrato, come se fosse argomento su cui legiferare in modo così superficiale, senza prestarvi l’attenzione che meriterebbe e, soprattutto, senza tenere conto del voto espresso da 27 milioni di cittadini il 12 e 13 giugno 2011 che ha scelto per la ripubblicizzazione del servizio idrico e ha sancito che l’acqua e i servizi pubblici locali
sono beni comuni che devono stare fuori dal mercato e su cui nessuno deve fare profitti.
Note tecniche
All’interno dell’art.13, che tratta i lavori per l’Expo 2015, è stato inserito un comma dove si parla del servizio idrico e delle autorità di controllo dei mercati.

Il comma 13 va a modificare la legge 481/1995 che tratta le competenze delle autorità di regolazione e controllo dei mercati e aggiunge il servizio idrico alle competenze dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas.

La legge 481/1995 regolamenta le funzioni delle Authority (autorità) e dice che le Authority hanno: “la finalità di
garantire la promozione della concorrenza e dell’efficienza (…) nonché adeguati livelli di qualità nei servizi (…) assicurandone la fruibilità e la diffusione in modo omogeneo sull’intero territorio nazionale, definendo un sistema tariffario certo, trasparente e basato su criteri predefiniti, promuovendo la tutela di utenti e consumatori.” Cioè: l’autorità regola il mercato di un dato bene o servizio. Viene quindi affidato il servizio idrico integrato alle logiche di mercato.

Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus