La stabilità al Paese si garantisce con i servizi essenziali.
Per contribuire al cambiamento di rotta ormai indispensabile nella gestione dei servizi essenziali, è nostro dovere rimettere al centro dell’attenzione del Parlamento i bisogni dei cittadini.
Non possiamo quindi fare a meno di contribuire al ritorno delle istituzioni di prossimità (i Comuni) ad una condizione e capacità di fornire ai cittadini i servizi essenziali senza mettere a repentaglio la solidità economica delle amministrazioni.
E’ con tale obiettivo che ho presentato questi emendamenti, frutto di un processo partecipato:
Emendamenti
art. 15 della Legge di stabilità (A.S. 1120)
1) Aggiungere al comma 1, art. 5 della legge 8 agosto 1991, n. 274 il seguente testo:
c) i dipendenti delle società pubbliche, private e miste che transitano a enti pubblici, aziende speciali o consortili per effetto di norme di leggi, di regolamento o convenzione, che attribuiscono agli stessi enti pubblici, aziende speciali o consortili le funzioni esercitate dalle citate società.”
Nota:
l’emendamento è finalizzato a rendere possibile il diritto d’opzione per i lavoratori del regime previdenziale INPS o INPDAP nel passaggio da SpA a Azienda speciale, allo stesso modo di quanto si fece, a partire dagli anni ’90, per il passaggio inverso da Azienda speciale a SpA.
2) Al comma 19 del DdL S1120 è eliminato il periodo:
““Alle aziende speciali ed alle istituzioni si applicano le disposizioni del codice di cui al
decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, nonché le disposizioni che stabiliscono, a carico degli enti locali: divieto o limitazioni alle assunzioni di personale; contenimento degli oneri contrattuali e delle altre voci di natura retributiva o indennitaria e per consulenza anche degli amministratori; obblighi e limiti alla partecipazione societaria degli enti locali. Gli enti locali vigilano sull’osservanza del presente comma da parte dei soggetti indicati ai periodi precedenti.””
Nota: gli emendamenti cancellano le norme, già introdotte con il decreto Monti sulle liberalizzazioni e confermate con la legge di stabilità, che equiparano, dal punto di vista del trattamento contrattuale e del parziale blocco del turn-over, i lavoratori delle Aziende speciali a quello delle Pubbliche Amministrazioni di riferimento, con l’evidente penalizzazione che ne deriva.
3) Inserire:
“Il comma 6 dell’’articolo 3-bis del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138 è soppresso”.
Nota: l’emendamento è sostanzialmente simile a quelli del punto 2), con la differenza che qui ci si riferisce al trattamento contrattuale e occupazionale dei lavoratori delle SpA in house, mentre prima era relativo a quello delle Aziende speciali. La finalità è la medesima, e cioè di eliminare le disparità negative per i lavoratori rispetto a quelli delle SpA miste o quotate o private.
Il Post:
di seguito il post di Marco Piazza, consigliere comunale di Bologna del m5s


Condividi l'articolo su: Facebooktwittergoogle_plusFacebooktwittergoogle_plus